Legale

Programma UTC Ombudsman

Chiunque (dipendenti e terze parti, compresi i fornitori) osserva o sospetta una violazione del Codice può porre una domanda o sollevare dubbi in totale confidenza attraverso il Programma Ombudsman di UTC. Ulteriori informazioni sul programma UTC Ombudsman sono disponibili qui.

Formazione interna

UTC eroga e continua a rendere disponibile per la direzione aziendale ed i dipendenti, la formazione necessaria per riconoscere e mitigare il rischio di tratta di esseri umani e schiavitù nella supply chain. Ai dipendenti con responsabilità diretta per la gestione della supply chain viene assegnata questa formazione durante il loro secondo anno in quella funzione lavorativa.

Aspettative della Supply Chain

Per fabbricare prodotti di qualità superiore in modo responsabile, abbiamo bisogno di fornitori che rispettino standard elevati nelle pratiche commerciali, in tema di responsabilità ambientale ed eccellenza operativa. Di conseguenza, i nostri fornitori sono soggetti a rigidi processi di selezione, tra cui l'assenza dalle black list.

I termini e le condizioni di acquisto standard di UTC richiedono che i fornitori rispettino tutte le leggi e i regolamenti applicabili. Inoltre, le nostre condizioni contrattuali standard impongono ai fornitori di adottare e rispettare un Codice di Condotta o una dichiarazione sulla condotta aziendale, l'etica e la conformità che soddisfano, come minimo, i principi stabiliti nel Codice di Condotta dei fornitori ("Codice Fornitori" ).

Il Codice Fornitori stabilisce le aspettative di UTC per i nostri fornitori e si allinea alle aspettative che manteniamo per i nostri amministratori, funzionari, dipendenti e rappresentanti. Tra le altre cose, il Codice Fornitori richiede ai fornitori di garantire che la manodopera minorile non venga utilizzata nell'esecuzione del loro lavoro, indipendentemente dal fatto che sia o meno correlato al business UTC. Richiede inoltre che i fornitori rispettino pienamente le leggi e i regolamenti che vietano il traffico di esseri umani. Ciò include il divieto di utilizzare il lavoro forzato, vincolato o a contratto, il lavoro carcerario involontario, la schiavitù o il traffico di persone. Inoltre, il Codice Fornitori stabilisce che i nostri fornitori permetteranno a UTC e/o ai suoi rappresentanti di valutare l'adesione loro e dei loro partner commerciali, con le aspettative stabilite nel Codice Fornitori nello svolgimento dei lavori per UTC. Il Codice Fornitori è disponibile qui.

Inoltre, le condizioni contrattuali standard di UTC richiedono ai fornitori di disporre di sistemi, strumenti e processi di gestione che (a) garantiscano la conformità alle leggi, ai regolamenti e ai requisiti applicabili stabiliti nel Codice Fornitori; (b) promuovano la consapevolezza e l'impegno nei confronti delle pratiche commerciali etiche; (c) facilitino la individuazione, la divulgazione e l'attuazione di azioni correttive per le violazioni; e (d) forniscano la formazione ai dipendenti sui requisiti di conformità, comprese le aspettative stabilite nel Codice Fornitori.

Nel caso in cui un fornitore commetta qualsiasi violazione materiale della legge relativa alle condizioni di lavoro di base e ai diritti umani nell'esecuzione delle proprie attività di subappalto con UTC, UTC ha il diritto di risolvere tali subappalti immediatamente.


Il modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.LGS. 231/2001

Ai sensi del decreto legislativo n.231 del 2001, riportiamo quì di seguito i recapiti dei membri dell’organismo di vigilanza:

  • Avv. Andrea Pascerini: apascerini@studiopascerini.com presso Studio Legale Pascerini & Associati – V. Barberia, 6 – Bologna 40123
  • Dott. Luca Tommasini: tommasini@studiodeleo.it presso Studio De Leo – Piazza San Martino,1 – Bologna 40126
  • Avv. Ilaria Magni: magnii@italy.otis.com presso la sede di Otis Servizi Srl.

Visualizza di seguito il modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del decreto legislativo n.231 del 2001 ed i suoi allegati.